Bonus Sociale Energia elettrica

Il cosiddetto "bonus elettrico" (ovvero ‘il regime di compensazione della spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di energia elettrica') è uno strumento introdotto dal Governo con l'obiettivo di sostenere le famiglie in condizione di disagio economico, garantendo loro un risparmio sulla spesa annua per energia elettrica.

Il bonus elettrico consiste in uno sconto applicato alle bollette dell'energia elettrica.

Chi ne ha diritto?

Tutti i clienti domestici, intestatari di una fornitura elettrica nell'abitazione di residenza, con potenza impegnata:

  • Fino a 3 kW, per un numero di persone residenti fino a 4;
  • Fino a 4,5 kW per un numero di persone residenti superiori a 4 e che presentino una certificazione ISEE;
  • Con valore dell'indicatore fino a 7.500€ per la generalità degli aventi diritto,
  • Con valore fino a 20.000€ per i nuclei familiari con quattro e più figli a carico.

Hanno inoltre diritto al bonus elettrico per disagio fisico, tutti i clienti elettrici presso i quali vive un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita.
In questi casi, per avere accesso al bonus elettrico, il cliente finale deve essere in possesso di un certificato ASL che attesti:

  • la necessità di utilizzare tali apparecchiature,
  • il tipo di apparecchiatura utilizzata;
  • l'indirizzo presso il quale l'apparecchiatura è installata
  • la data a partire dalla quale il cittadino utilizza l'apparecchiatura.

I due bonus sono cumulabili qualora ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità.
Il nucleo famigliare è rilevante solamente per i casi di disagio economico.
Ogni nucleo familiare può richiedere il bonus per un solo contratto di fornitura di energia elettrica.

Nei casi di disagio fisico, il bonus può essere richiesto per ogni contratto di fornitura di energia elettrica corrispondente all'abitazione in cui sono presenti le apparecchiature per il mantenimento in vita.

Se si è residenti in un'abitazione in cui il contratto di fornitura elettrica è intestato ad una persona non appartenente, o non più appartenente al nucleo familiare, al fine di ottenere il bonus, è necessario richiedere la voltura del contratto al venditore di energia elettrica.

 

DescrizioneAnno 2008Anno 2009Anno 2010 e 2011Anno 2012
Numerosità familiare 1-2 componenti  € 60  € 58  € 56  € 63
Numerosità familiare 3-4 componenti  € 78  € 75  € 72  € 81
Numerosità familiare oltre 4 componenti  € 135  € 130  € 124  € 139
Disagio fisico  € 150  € 144  € 138  € 155

 

Il valore del bonus è aggiornato annualmente dall'Autorità entro il 31 dicembre dell'anno precedente.

Dove si presenta la domanda per il riconoscimento del bonus sociale?
Presso il tuo Comune di residenza o presso altro istituto da questo designato (spesso svolgono questo servizio Uffici delle Organizzazioni Sindacali).

Nel caso di abitazioni presso i quali viva un soggetto utilizzatore di apparecchiature elettromedicali "salva vita", la richiesta del bonus elettrico va presentata al Comune di residenza del titolare della fornitura elettrica, anche se diverso dal Comune in cui è localizzata l'abitazione nella quale è collocata l'apparecchiatura "salva vita".

Parla con il nostro esperto gas e luce