Canone TV

 

CANONE TV IN BOLLETTA

 

 

Dal 2016, per effetto della Legge di Stabilità, il Canone TV viene inserito nella bolletta di energia elettrica per i titolari di utenza di fornitura di energia elettrica nel luogo di residenza anagrafica.

E’ tenuto al pagamento del canone chiunque detiene un apparecchio televisivo, dove per apparecchio televisivo si intende un apparecchio in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare

Il canone è dovuto una sola volta in relazione a tutti gli apparecchi detenuti dai componenti della stessa famiglia anagrafica, indipendentemente dal numero di abitazioni in cui sono presenti apparecchi tv.

L’importo per il 2016 è di € 100,00, suddiviso in 10 rate mensili da Gennaio ad Ottobre; solo per il 2016 l’addebito delle prime rate è stato inserito nella fatturazione del mese di luglio.

Le normative applicative emesse in merito prevedono che le Aziende di vendita di energia elettrica ricevano mensilmente i file con gli elenchi dei contribuenti a cui applicare il canone TV con i relativi importi, di addebito o di storno.

Le Aziende di vendita di energia elettrica non possono quindi entrare nel merito dell’applicazione del Canone TV, né tantomeno stornare o applicare rimborsi sulla base di quanto comunicato dai clienti.

Per maggiori informazioni si invita a consultare la sezione relativa alle domande frequenti relative al canone TV sui siti web dell’AGENZIA DELLE ENTRATE e della RAI

Inoltre, si ricorda che il mancato pagamento degli importi dovuti per il servizio di fornitura di energia elettrica comporta l’attivazione della procedura di messa in mora e la conseguente riduzione e successivo stacco della fornitura.

 

RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CANONE TV AD AGENZIA DELLE ENTRATE

 

 

Il contribuente può chiedere il rimborso di importi a suo giudizio non dovuti direttamente all’Agenzia delle Entrate secondo le modalità definite con apposito provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 02/08/2016 disponibile cliccando QUI 

La richiesta può essere inviata tramite l’applicazione disponibile sul sito di Agenzia delle Entrate. CLICCA QUI

Prima di compilare il modulo per la richiesta di rimborso si raccomanda di LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI al fine di effettuare e trasmettere correttamente la richiesta e di comprendere se il canone sia effettivamente non dovuto.